Ricerche

Cerca nel sito

Calendario Eventi

<< < marzo 2019 > >>
dom lun mar mer gio ven sab
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Gruppo di lettura

"Le menzogne della notte" è un romanzo di Gesualdo Bufalino pubblicato nel 1988 dall'editore Bompiani.
La storia è ambientata in un'isola penitenziaria, in un non precisato anno dell'Ottocento. Il numero limitato di personaggi (quattro condannati a morte, più il governatore del carcere ed alcune "comparse"), l'unità di tempo e di luogo (una notte, una cella) danno al romanzo un carattere spiccatamente teatrale. Del resto, la teatralità è uno dei temi più rilevanti del libro.

Diversi elementi del romanzo fanno pensare ad un letteratissimo "divertissement", una parodia di alcuni moduli tipici della narrativa ottocentesca: il narratore "ingombrante" del primo capitolo, le trovate da romanzo d'appendice disseminate nei racconti dei personaggi (si pensi solo ai tòpoi del duello, del ballo in maschera, del trovatello sulle tracce dei genitori).

Il romanzo ha la classica struttura delle narrazioni "a cornice" (come il Decameron o le Mille e una notte), perché i quattro condannati a morte trascorrono la notte prima dell'esecuzione raccontando una storia ciascuno. Non raccontano però storie d'invenzione (almeno apparentemente), ma episodi significativi della loro vita. Tuttavia, la finzione s'insinua mano a mano nelle loro parole: l'ultimo personaggio a parlare, il Poeta, riconoscerà esplicitamente di aver mentito e - nella conclusione - il governatore smaschererà anche gli altri.
La messa in discussione del confine tra verità e invenzione letteraria non è fine a se stessa: la posta in gioco è nientemeno che la vita dei personaggi.

Il romanzo ha vinto il Premio Strega ed è stato tradotto in inglese, neerlandese e in spagnolo

da Wikipedia.

Dove e quando

Biblioteca Civica Pietro Ceretti, Via Vittorio Veneto 138
Mercoledì 16 gennaio 2019
Ore 20.45.